Il parere dell’esperto

Il team de I Migliori On-Line ha avuto l’onore ed il piacere di intervistare per voi un’esperta di letteratura erotica, la scrittrice Lisa Elisa, autrice del romanzo “Dodici chicchi d’uva”. Lisa Elisa si è laureata in Filosofia a Cagliari, dove è nata, e specializzata in Psicologia delle Emozioni a Madrid, città in cui vive. Con suoi racconti ha vinto nel 2009 il concorso “Aquí empieza tu libro”, bandito dal quotidiano El País in concomitanza con la Fiera del Libro di Madrid, e nel 2013 il concorso “Racconti di donne: relazioni fra generazioni”, indetto dal Centro di documentazione e studi delle donne di Cagliari. Con Happy Hour edizioni ha pubblicato il romanzo d’esordio, “Dodici chicchi d’uva”, ambientato fra Madrid e la Sardegna, e ha partecipato alle antologie “Milano forte e piano”. Collabora con il magazine Lecittadelledonne.it con la rubrica “Monna Lisa Chat.

Lisa Elisa con il suo romanzo al sex shop di Madrid "Los placeres de Lola"
Lisa Elisa con il suo romanzo al sex shop di Madrid “Los placeres de Lola”

Lisa, quanto è importante secondo lei la versione ludica nella sfera sessuale?

È sicuramente auspicabile, insieme a quella gioiosa, ironica, maliziosa, leggera. E i sex toy in questo caso sono perfetti, si adattano a tutte le situazioni e si prestano a tutto, anche alla versione funzionale: quella da single, per intenderci, o da lontananza!
Alcuni durano per sempre…come i diamanti, altri hanno un tempo più ridotto…come gli amanti.
Nel mio caso, che sono una romantica, porto sempre nel cuore il primo amore e lo conservo gelosamente nell’anta alta dell’armadio.

Nella sua esperienza di scrittrice di romanzi erotici, ha mai descritto scene con dei sex toy?

Sì, ho descritto varie scene e spero di scriverne altre. Alcune sono state rielaborate sulla base di vicende realmente accadute che, per divertirmi, ho tentato di rendere ancor più ironiche e surreali. In una scena dei Dodici chicchi d’uva, per esempio, si narra l’odissea della protagonista bloccata al metal detector della Ryanair con un fantastico kit di microvibratori clitoridei. È accaduto realmente. Da allora le mie amiche ed io stiamo attentissime al bagaglio…a mano!

Per lei i giochi di ruolo nella coppia sono evasione o ad un certo punto diventano normale prassi? 

Non saprei. Forse non sono necessari, forse sono una evasione o forse, come tutto, diventano normale prassi. Ma io mi chiedo : non sarà invece la coppia in quanto tale a diventare irrimediabilmente normale e noiosa prassi?

Lisa Elisa con il suo romanzo "Dodici chicchi d'uva"
Lisa Elisa con il suo romanzo “Dodici chicchi d’uva”

Perché secondo lei ci sono spesso pregiudizi verso i gadget erotici che li relegano solo alla sfera del mondo hard?

Credo che tutti i pregiudizi nascano sempre dalla medesima causa: la non conoscenza di un argomento. In questo caso l’argomento è l’intero mondo hard, i gadget sono solo una diretta conseguenza. Conoscendolo meglio e parlandone con tranquillità, si può scoprire che non è poi un mondo così buio, sordido e terribile. Una volta assodata la maggiore età e la consensualità tra le persone, io credo, invece, che chiunque possa addomesticare questo mondo alle proprie esigenze e ai propri desideri, trovandoci qualcosa di divertente e che soddisfi curiosità che altrimenti resterebbero sempre in nuce.
Mia madre e mia nonna ne sono la riprova, la gita al sex shop le ha divertite un sacco.

La letteratura erotica ha per lei delle affinità con questo tipo di gadget per la fantasia sessuale?

Sì certamente, alcuni bellissimi classici del genere ne sono testimonianza, ma scrivere di erotismo è difficile. È difficile inventarsi qualcosa di originale. Il rischio di annoiare lettrici e lettori è sempre altissimo, io stessa mi annoio se non mischio questa componente ad altre e se non tengo sempre presente il fine ultimo del mio messaggio: il riscatto delle donne da certi vincoli che ancora ci tengono prigioniere. Detto questo credo che sia importante scriverne, ma sempre con una buona dose di ironia e autoironia, nonché, se possibile, di leggerezza.

Ringraziando Lisa per la sua gentilezza e disponibilità, vi segnaliamo la sua mail e quella della sua casa editrice, tramite le quali potrete mettervi in contatto con lei per ulteriori informazioni.

Mail: lisaelisa2013@gmail.com

Mail Happy Hour Edizioni: happyhouredizioni@gmail.com